San Mauro ad Agorà (Rai3) con Tremonti, Moretti, Comi e Della Vedova

Vi riporto di seguito il testo battuto dall’Adnkronos sulla puntata di domani, venerdì 8 febbraio, di Agorà.
«Prosegue la campagna elettorale e i partiti propongono le loro “ricette” per risollevare l’economia del Paese. Se ne parlerà nella puntata di Agorà in programma domani alle 8.00 su Rai3. Nel corso della diretta saranno presentati i sondaggi realizzati dall’Istituto Swg in esclusiva per Agorà. Ospiti di Andrea Vianello saranno: Giulio Tremonti, capolista di Lavoro e Libertà al Senato; Alessandra Moretti, candidata del Pd alla Camera in Veneto; Lara Comi, eurodeputata del Pdl; Benedetto Della Vedova, candidato di “Con Monti per l’Italia” al Senato in Lombardia; Cesare San Mauro, candidato del Centro democratico al Senato nel Lazio; i giornalisti Piero Sansonetti, direttore del settimanale “Gli Altri” e Aldo Cazzullo del Corriere della Sera; Roberto Weber, presidente dell’Istituto Swg».
 
 

Su Imu e accordo con la Svizzera Berlusconi dà i numeri

La proposta di restituire l’Imu e abolirla con i soldi dalla Svizzera è l’ennesima illusione irrealizzabile data in pasto agli elettori: Berlusconi evidentemente ha deciso di dare fondo a tutto il suo repertorio propagandistico più bieco. I tecnici di Bruxelles, secondo quanto riferisce la Stampa, hanno stimato che, a seguito di un eventuale accordo, anche solo ottenere un gettito di 2,3 miliardi di euro, cioè la decima parte di quanto annunciato da Berlusconi, sarebbe un miracolo. Inoltre, per giungere ad un accordo ci vorrebbero mesi, se non addirittura anni. E intanto l’Italia cosa fa? Per recuperare, da subito, cifre considerevoli da rigirare agli enti locali bisognerebbe avviare una politica di fortissima riduzione delle società partecipate, nella cui stragrande maggioranza si annidano sacche di corruzione, inefficienze e scandalosi sprechi di denaro pubblico. Risorse che potrebbero essere utilizzate per rimettere in sesto le casse dei Comuni e, ad esempio, comprare nuovi autobus per migliorare il sistema del trasporto pubblico.
Cesare San Mauro

Centro Democratico, l’adunata del 2 febbraio

Sabato 2 febbraio, alle 10, al Teatro Italia, in via Bari 18 a Roma, sarò alla manifestazione (Il giorno migliore per la nostra Regione) che aprirà ufficialmente la campagna elettorale di Centro Democratico. Insieme a Giovanni Maria Flick, capolista al Senato in Lazio 1, Donato Mosella, Stefano Pedica e Cristina De Luca. Ci sarà, ovviamente, anche Bruno Tabacci ad illustrare il programma del partito che sostiene, all’interno del centrosinistra, la candidatura di Pier Luigi Bersani alla guida del prossimo governo del Paese. Dopo la grande partecipazione, martedì scorso alla Residenza di Ripetta, rinnovo a tutti il mio invito a prendere parte anche a questa nuova ed importante iniziativa che introdurrà il Centro Democratico verso il rush finale della campagna elettorale in vista del voto del 24 e 25 febbraio.
Un saluto a tutti
Cesare San Mauro

Corte dei Conti, la politica ascolti la denuncia dei giudici contabili

La politica ascolti l’appello della Corte dei Conti: la lotta alla corruzione e alla spesa improduttiva deve essere la priorità assoluta per rendere l’Italia un Paese più giusto e, soprattutto, civile. Restituire equità ad un sistema che tartassa i deboli e salvaguarda i forti è realmente possibile. Ma, bando alle promesse impossibili e rifuggendo dalla becera propaganda, un atto concreto deve essere dichiarare guerra alla spesa improduttiva, iniziando dal ridimensionamento e dalla riduzione delle migliaia di società partecipate pubbliche (solo quelle comunali erano 4.206 alla data del 31 dicembre 2010), sempre più spesso causa di sprechi e corruzione, così come denunciato dalla Corte dei Conti, piuttosto che rappresentare centri di erogazione di servizi efficienti e adeguati alla domanda dei cittadini. Si potrebbe recuperare almeno un 5% di spesa pubblica da trasferire agli enti locali per migliorare servizi pubblici e vivibilità delle città.
Cesare San Mauro

Tabacci lancia le candidature di Flick e San Mauro

Tutela dei diritti per i più deboli, Europa come faro, riforme economiche in grado di sostenere la crescita, lotta alla criminalità organizzata. Sono queste alcune delle priorità programmatiche delineate oggi pomeriggio, al residence Ripetta a Roma, nel corso della presentazione dei candidati della lista di Centro democratico, alla presenza del fondatore del movimento Bruno Tabacci, del professore Giovanni Maria Flick, capolista al Senato, del professor Cesare San Mauro, numero due della lista, e di numerosi altri candidati.
«Il carcere oggi è una discarica sociale, la cui popolazione è composta per il 30% da tossicodipendenti e un altro 30% da extracomunitari. Tutto fa tranne che favorire il recupero, il reinserimento e la riabilitazione», ha spiegato il professor Flick, ex ministro della Giustizia nel primo governo Prodi ed ex presidente della Corte Costituzionale, nel corso dell’affollata assemblea moderata da Giorgio Velardi, redattore del settimanale Il Punto. Secondo Flick, al carcere si deve ricorrere “solo nei casi di gravi reati o per trattenere individui pericolosi. Il sovraffollamento delle carceri e la lentezza dei processi sono le due facce di una giustizia negata”, ha aggiunto, spiegando di “voler tornare ad occuparmi della giustizia su una base di una prospettiva di concretezza”. Quanto alle riforme istituzionali, Flick ha osservato: “La Costituzione non è imbalsamata e può essere modificata, in special modo la seconda parte, negli articoli che regolano il rapporto tra istituzioni centrali e periferiche dello Stato. Ma va rivista rispettandone i valori”. Nel corso del suo intervento, Bruno Tabacci ha criticato Silvio Berlusconi: “Dice che sta crescendo, che sta recuperando consensi nei sondaggi. Io non ci credo e sono sicuro che il centrosinistra vincerà e avrà una maggioranza solida per governare”. “Noi di Centro democratico saremo il punto di equilibrio nella coalizione di centrosinistra - ha aggiunto Tabacci - e chi dubita dell’affidabilità di Vendola rispondo che ha fatto per 8 anni il presidente di una grande regione come la Puglia ed è abituato a fare i conti con la responsabilità del governo e con la ricerca della soluzione dei problemi concreti”.
Il professore Cesare San Mauro ha approfondito i temi del miglioramento della spesa pubblica, in particolare della sua qualificazione, partendo da una riforma più volte invocata ma di fatto mai affrontata con incisività: quella delle Province. “Un ente territoriale intermedio - ha spiegato - che può essere benissimo trasformato in una conferenza dei servizi dei Comuni, organizzata sul piano amministrativo, non più un luogo elettivo con le giunte, i consiglieri, le auto blu, il presidente, etc. Tutte cose che non servono. Per non parlare delle società partecipate: secondo il rapporto Unioncamere del 2011 - ha osservato San Mauro, che è anche professore universitario di Diritto dell’economia - le aziende controllate sono 5220, naturalmente con annessi presidenti, consiglieri di amministrazione, macchina di servizio. E’ una cosa non ragionevole, intollerabile per un paese moderno. Non servono a nulla”. Quanto ai temi economici più generali, San Mauro ha osservato come “il Paese viva un momento di difficoltà strutturale e culturale. Debito pubblico elevatissimo, e la denatalità è attutita solo dall’immigrazione”. In più, “rigore senza crescita è una politica suicida. E’ inaccettabile vivere in Paese in cui 3 regioni sono compromesse da mafia, camorra, ’ndrangheta. Sono un freno a investimenti, sviluppo, cultura e turismo”. Ma non manca un segnale di speranza: “L’Italia ce la può fare. Bisogna rimboccarsi le maniche tutti insieme. E, innanzitutto, serve una classe dirigente onesta e competente”.

Informazioni aggiuntive